Visite guidate del Centro Storico
 

Escursioni turistiche in prov. di Agrigento.

Qui trovate le guide turistiche autorizzate di Agrigento e della magnifica Valle dei Templi.

Agrigento. Guide turistiche autorizzate.

La storia di Agrigento solo con le guide turistiche autorizzate che trovate in questo sito
Prenotate in un piccolo e confortevole hotel nella Valle dei Templi di Agrigento

Popolazione: 5.800 abitanti ca.

Distanza da Agrigento: 73 Km S.S. 118 o S.S. 189 via Cammarata; 730 m slm.

Nel territorio sorsero i casali arabi di Rahaltavilla e il casale di S.Stefano Melia. Il primo nucleo del centro attuale si venne formando probabilmente durante il regno di Federico II d'Aragona (1296-1337), quando il territorio appartenne in feudo a Giovanni Caltagirone. In seguito fu dominio dei Sinisi, dei de Agijs, dei Larcan e dei Ventimiglia. A 4 Km. da Santo Stefano si trova l'eremo di Santa Rosalia, patrona della Sicilia, Nel pianoro soprastante la stradina delimitata da querce che porta all'eremo si trova una statua in bronzo rappresentante Santa Rosalia eretta su un masso, dello scultore Lorenzo Reina domina la Valle di Ratavili (da Re-Altavilla).

Nell'anno della peste del 1626, viene presentata ai fedeli un'epigrafe che due muratori palermitani avevano scoperto tra gli anfratti, all'imboccatura di una grotta nella selva di Quisquina, a testimonianza dell'eremitaggio di Rosalia, la quale dichiara di avere abitato in quella caverna per 12 anni e di essere la figlia del Signore delle terre di Quisquina e delle rose. Gli storiografi più obiettivi non avallano l'autenticità dell'epigrafe. Ogni primo martedì di giugno si svolge la processione a piedi scalzi.

top


Le feste religiose

LA FESTA DI SANTA ROSALIA

Mese di giugno

La festa è strettamente legata all'eremo della Quisquina. I festeggiamenti in onore di S. Rosalia ebbero infatti origine nel 1624 quando venne scoperta sul monte della Quisquina una grotta in cui la Santa abitò in solitudine per circa 12 anni.

La festa prevede l'allestimento di una fiera, la processione (la sera del sabato e la domenica), l'esibizione del gruppo folkloristico stefanense e fuochi d'artificio in tarda serata. Nel tardo pomeriggio della domenica, dopo la processione di S.Rosalia, in piazza si svolgono i tipici festeggiamenti popolari, quali "l'albero della cuccagna ", la corsa dei sacchi, "li pignati", e la "Parchiata", cioé l'esecuzione di brani musicali da parte della banda musicale. Di notevole interesse è la sfilata dei carretti siciliani, riccamente addobbati grazie al lavoro degli artigiani locali.

top

 


Le feste popolari

LA SAGRA DEL FORMAGGIO

Mese di maggio

La metodologia storica e tradizionale di caseificazione ha recepito gli indirizzi e gli obblighi previsti dalla normativa comunitaria e nazionale in materia di produzione e trasformazione del latte. Il pecorino, il canestrato, le caciotte, la ricotta fresca e salata ed il caciocavallo mantengono i sapori e la genuinità che da sempre hanno contraddistinto, non solo in Sicilia, i formaggi di S. Stefano. Prodotti di pregio dunque. Ma anche sicuri, controllati e certificati sotto l'aspetto igienico - sanitario, per garantire sempre più il consumatore. Un binomio di tradizione antichissima e nuovi parametri di sicurezza ormai irrinunciabile.

top

 
Home
Le guide turistiche 
Le visite guidate 
Da sapere 
Info 
Eventi 
L'album 
Dicono di noi 
Le Guide in Italia 
Le Guide nel mondo 
Partners 
Contact