Penotazioni viste guidate
 

I servizi delle guide turistiche di Agrigento in Sicilia

Le guide turistiche vi condurranno nel labirinto di Girgenti ed anche nella Valle dei Templi. Solo le guide turistiche abilitate dalla Regione Sicilia possono svolgere le visite guidate

Servizi guida turistica Agrigento.

Visitate la città di Agrigento in Sicilia ed i resti dell'antica akragas preferendo una visita guidata ad una semplice passeggiata.

Visita guidata storico monumentale di Agrigento.

Le visite guidate di Agrigento alla scoperta della Sicilia centro meridionale. La Valle dei Templi di Agrigento è iscritta nel patrimonio Unesco dal 1998. Con le guide di Agrigento scoprirete i tesori di Akragas. Visitate il parco archeologico Valle dei Templi con le guide turistiche autorizzate di Agrigento che trovate solo in questo sito web. Potrete visitare il sito archeologico di Agrigento sia da soli che con le guide turistiche abilitate dalla Regione Sicilia.

Guide turistiche di Agrigento.

Prenotazioni visite guidate con le guide turistiche di Agrigento della Valle dei Templi e del Centro Storico di Agrigento. Le guide turistiche di Agrigento propongono visite guidate della provincia per gruppi turistici, scuole e turisti individuali.
Guide turistiche della Valle dei Templi
Booking on line la vostra visita guidata della Valle dei Templi con le guide turistiche abilitate dalla Regione Sicilia.
La Valle dei Templi in Sicilia
Prenotazioni servizi guida turistica dalla Valle dei Templi e del parco archeologico.

La polis, secondo la tradizione di Tucidide, venne fondata nel 581/0 a.C. da Aristinoo e Pistilo, due oikistai geloi che le diedero il nome del fiume che le scorreva ad est l'AKRAGAS. L'antica città si ingrandì rapidamente e rappresentò una importantissima base per l'espansione della civiltà greca in Sicilia. Il periodo della dominazione greca è ricordato per alterne vicende politiche ed economiche. Drammatica, per i contraccolpi che ebbe sulla vita civile della città, è stata la contrapposizione fra regimi democratici e tirannici. Il primo tiranno di Akragas fu Falaride (575/0 - 554) che, benché ricordato soprattutto per la sua crudeltà, assicurò alla giovane città la dignità di libera polis nei confronti di Gela e della stessa Madre Patria. Si fa risalire all'epoca dei tiranni l'edificazione dei templi della valle. Fu il tiranno emmènide Terone a volere la costruzione del tempio di Zeus Olimpico per celebrare la vittoria di Himera sui Cartaginesi (480 a.C.). Il quinto secolo è stato quello che vide il massimo splendore di Akragas e non soltanto per quanto attiene alla sua ricchezza materiale; infatti questo periodo viene ricordato per il grande fervore culturale, artistico e scientifico di cui Empedocle fu l'esponente più illustre. Nato intorno al 480 a.C. ad Akragas si formò alla scuola di Pitagora di Samo. La città venne recintata e chiusa da mura massicce interrotte solo da numerose porte di costruzione arcaica. L'edilizia monumentale continuò ad avere notevole sviluppo e furono costruiti tra il 450 e il 430 i templi di Era e della Concordia; tra il 430 e il 410 quello dei Dioscuri, di Efesto, di Esculapio oltre le mura ed un altro presso il Santuario delle Divinità Ctonie. Le successive guerre fra Romani e Cartaginesi ebbero effetti disastrosi sulla città, che venne occupata, saccheggiata e distrutta più volte. Cessata l'egemonia romana, cominciarono le invasioni barbariche. A più riprese (429 e 440 d.C.) passarono i Vandali di Genserico che la misero a ferro e fuoco; poi ( 490 d.C.), fu la volta dei Goti di Teodorico. Per scacciare questi ultimi, nel 535, venne un'armata Bizantina al comando di Belisario. nel 584 i Goti di Totila distrussero la città. Come se le scorrerie del barbari non fossero state sufficienti, cominciarono le scorrerie dei Saraceni che depauperarono il litorale e costrinsero le popolazioni a rifugiarsi sulle montagne dell'interno. La valle era ormai diventata facile terra di conquista e gli Agrigentini furono costretti ad abbandonarla per ritirarsi sulle alture dell'Acropoli. Gli Arabi sbarcarono in Sicilia nell'828, ma dovettero ritirarsi perché severamente sconfitti nella Piana di Catania. Tornarono nell'840 e Agrigento, arroccata ormai sul colle, venne occupata da una tribù di Berberi che la fortificarono e ne fecero il loro centro più importante. Tra le ultime città della Sicilia ad essere occupate dai normanni (1087), Agrigento fu poi sede Vescovile e di Contea ed appartiene ( XIII - XIV sec.) alla potentissima famiglia dei Chiaramonte. Città Aragonese e poi Spagnola, votò con entusiasmo il plebiscito (1860) che la riuniva al Regno di Italia. La città ha cambiato più volte il suo nome: dal greco Akragas, divenne Agrigentum in età romana; gli arabi lo cambiarono in Kerkent che, per corruzione divenne Gergent e poi Girgenti. Nel 1927, per volere di Mussolini la città riprese il nome romano e da Agrigentum divenne Agrigento.

La moderna città di Agrigento è oggi posta ad un altitudine massima di 674 m. Il suo territorio occupa una superficie di 245 Kmq.

Popolazione: circa 60.000 abitanti.

top

Visita guidata Valle dei Templi di Agrigento
Home
Le guide turistiche
Le visite guidate
Da sapere
Info
Eventi
L'album
Dicono di noi
Le Guide in Italia
Le Guide nel mondo
Partners
Contact
 

Agrigento guide turistiche

Le guide turistiche vi condurranno nel labirinto di Girgenti ed anche nella Valle dei Templi. Visita guidata del museo archeologico con le guide turistiche abilitate dalla Regione Sicilia.

Servizi guida turistica Agrigento.

Visitate la città di Agrigento in Sicilia ed i resti dell'antica akragas